Noi... al completo!

30/06/09

150 ANNI ....SUONATI!!!

Ecco il programma del nostro compleanno, anche se dovremmo chiamarlo complesecoloemezzo...ma forse non si dice.
Sicuramente un bel traguardo quello che ci apprestiamo ad attraversare e credo che siamo tutti orgogliosi di poter dire "ci sono anche io". Si ci siamo anche noi, ma in questo giorno dobbiamo ringraziare chi c'è stato prima di noi, tutti coloro che ci hanno regalato questo gioco così prezioso e delicato ma che è stato maneggiato con cura in questo secolo e mezzo di storia, altrimenti si sarebbe rotto ed ora ci sarebbe solo un bel ricordo. Invece ci è stato trasmesso intatto insieme alla passione per la banda, alla voglia di stare insieme e di divertirci. Insieme a tanti di quei valori che oggi sembrano dimenticati come l'amicizia, la solidarietà, il dedicare il nostro tempo a qualcosa che non ha un corrispettivo in denaro ma che niente potrebbe ripagare la passione con cui lo facciamo.
Questo giocattolo è diventato sempre più bello e prezioso, si è arrichito di anno in anno di nuove melodie, nuove idee, nuovi elementi....ed ora, cari ragazzi che mi leggete, è sopratutto nelle vostre mani. E sono certa che se continuerete con l'entusiasmo che ho visto negli ultimi servizi la Folkloristica festeggerà anche il 200° anniversario!
p.s. un grazie alla nostra Raffaella che ancora una volta ha fatto un lavoro unico con la locandina e...tutto il resto.

23/06/09

LE FOTO DI ANTIBES!!







A conferma della mia cronaca ecco tutte le prove, mancano solo le due cadute (quella di Luca e quella dei pantaloni della Fabiola) poi c'è tutto! Divertitevi....
Scusate la foto piccola ma non so cosa è successo

19/06/09

Cronaca da Antibes



Nonostante la fatica immane e tutti gli inconvienti penso che anche la trasferta di Antibes sia stata una bella esperienza.

I tempi piuttosto stretti, l'albergo lontano dal centro, non hanno permesso grandi escursioni in zona, ma so che la nottata nel giardino dell'albergo insieme ai ragazzi della banda di Torino è stata piuttosto movimentata tra danze del ventre e "comunioni"poco ortodosse a base di grappa e di baguette .

Sabato pomeriggio abbiamo inagurato la sfilata con una mitica caduta di ....stile del nostro Luca, che nella fretta di stoppare le esuberanti perussioni, è inciampato in un tombino con conseguente tuffo nell'asfalto. Ad onore delle percussioni bisogna dire che si sono fermate lo stesso. E ad onore di Luca che è ripartito imperturbabile nonostante le sbucciature e la camicia strappata.

Anche la cena è stata un po' movimentata, allietata da un redivivo cantante sulle note di Viens a la maison (visto il gruppo su face book? ) abbiamo dovuto sgomitare un po' per mangiare, qualcuno si è arrabbiato ma poi...alla fine fine ci abbiamo fatto due risate.

Arrivo in albergo, la sfiduciata Serena non trovava il bagno in camera, qualched'uno ci ha trovato un ospite non gradito, problemi di lingua di asciugamani (per la cronaca serviettes) e di letti a castello....ma alla fine chi è andato a letto ha dormito!

Come tutti sanno Nazzareno è un maniaco della puntualità e domenica alle 7.20....Sveglia per tutti! Tanto caldo, ma veramente carino il centro storico di Antibes e caloroso il piccolo rinfresco che ci ha salvato dalla disidratazione.

A pranzo Paella per tutti, non proprio buonissima ma la fame era tanta! in compenso il vino rosè....niente male.
Piccola pausa dopo pranzo, chi ha fatto il clochard dormendo nella panchina ( ci sono foto in giro??) chi ha fatto shopping (peccato che i negozi erano chiusi) chi è andato al mare. Al ritorno dalla pausa ...sorpresa! problemi al pulman....ma il nostro mitico presidente non si è perso d'animo, indossata la tuta "elettrauto Vannuccini" con la competenza di un cardiochirurgo ha fatto un bypass al tubicino rotto e... tutto risolto, tolta la tuta si risuona!
La vera festa è stata il pomeriggio di domenica, molto pubblico, le solite brasiliane, varie band di strada (veramenti bravi!) e 3 bande italiane. A parte l'incidente della Fabiola che è rimasta praticamnte in mutande....il pomeriggio è andato benissimo e credo proprio che abbiamo fatto una gran bella figura.
Il ritorno, a parte il traffico e la fermata della polizia a cui non paiceva Boniek, è andato più che bene, siamo rientrati alle 5 stanchi morti (Giovanni alle 5.30 doveva essere al lavoro) ma contenti di aver passato ancora una volta delle belle giornate in allegria e con la voglia di superare anche le piccole difficoltà che abbiamo incontrato.
In attesa di avere le foto da Mauro ho fatto una giratina in Interne ed ho trovato la foto del nostro Marzio (nel link ne trovate anche altre della festa) a cui ho saputo ha fatto molto piacere essere immortalato dal fotografo francese. E fa bene ad esserne orgoglioso, nonostante l'età non si tira mai indietro nelle nostre scorribande e quindi noi lo ringraziamo e proponiamo la bella foto che gli hanno fatto a tutti i lettori del blog.
In questo periodo siamo consapevoli di aver tirato un po' troppo la corda con i servizi, ma sono capitate tante belel occasioni che nessuno ha avuto la forza di rifiutare. Quindi ragazzi grazie a tutti del vostro imepgno e facciamo questo ultimo sforzo delle prossime settimane poi la nostra festa (segnatevi per la cena!!) e quindi le meritate ferie!

08/06/09

La Bataille de Fleur ci aspetta!

Effettivamente mi ero un po' distratta, ma Raffaella mi ha richiamato all'ordine, mancava il post su Antibes! Una ricerchina su Internet e vedete cosa salta fuori? http://www.antibesjuanlespins.com/actualites/act_dtl~modid~1~actid~434~rubid~0.htm

Comme il est de tradition chaque année, voici venu le
temps des fleurs à l’occasion du traditionnel corso fleuri organisé par
l’association des Amis du vieil Antibes, présidée par Daniel Moriou, avec la
participation toujours très inventive des associations locales. De nombreuses
formations viendront rythmer cette manifestation chère au cœur des Antibois et
des visiteurs, ainsi que des «Marching bands» venus s’associer à la fête dans la
grande tradition initiée par Sidney Bechet. Un genre extrêmement populaire qui
nous vient de la Nouvelle-Orléans, mais qui a essaimé depuis de par le vaste
monde et qui ne manquera pas de réchauffer encore, s’il en était besoin,
l’ambiance éminemment festive de ce grand moment de l’année.


La traduzione è abbastanza facile, riassumo le cose più
importanti : ci saranno numerose formazioni, bande, marching band e Brass
band.... Un genere estremamente popolare che ci viene dal New Orleans, ma che ha
preso piede in tutto il mondo e che non mancherà di riscaldare ancora l'ambiente
estramamente festivo di questo grande momento dell'anno
.




Sicuramente torneremo stanchissimi ma arrichiti ancora una volta arricchiti da un'esperienza fantastica insieme a tantissimi gruppi provenienti da tutta l'Europa.